venerdì 25 novembre 2011

Gli anni passano.....

Sono passati più di 15 anni e tante cose nella mia vita sono cambiate, ma ricordo come fosse ieri il giorno in cui sei entrato nella mia vita. Inizialmente non è stato facile, anche se ero terribilmente attratto da te, sapevo che non sarebbe stato un rapporto facile e che con molta probabilità molti non lo avrebbero capito e lo avrebbero osteggiato.

Non mi sbagliavo…. Passavamo molto tempo insieme, sempre in silenzio, ma d’altronde non servivano le parole per capirci, bastavano pochi gesti ed i giochi avevano inizio. In casa iniziavo a vedere le facce di disappunto dei miei, ma per ora rimanevano solo facce, quindi come al solito me ne fregavo e il nostro rapporto continuo più o meno con i stessi ritmi dei primi giorni.
Dopo alcuni anni la prima svolta..... entrò a far parte della nostra vita l'altro. Ci fu presentato da un amico comune, lo stesso che con pochissima fatica fece conoscere noi due, e tu subito instaurasti con lui un legame morboso. Non mi era più possibile vedervi separati, sempre insieme e sempre così complici, ma la cosa non mi disturbava anzi la trovai terribilmente divertente ed eccitante, il mio mondo eravate voi due, ogni minuto libero era per voi, mattina, pomeriggio, lunghe ed intense notti. Questo stato delle cose durò per un lungo periodo, con vari sali e scendi tipici di qualsiasi rapporto, anche se il nostro non aveva nulla di tipico.
Poi arrivarono le donne, quelle serie però, quelle che ogni volta che ne incontri una pensi che sarà la donna della tua vita. Delle tre storie importanti della mia vita solo una riusci ad accettare il nostro rapporto "extraconiugale", le altre no. Beh la gelosia sarebbe stata normale, ma di fondo la cosa che più gli faceva male, era il non poter competere... per assurdo avrebbero accettato meglio il tradimento con un'altra donna. Le donne portano anche alla ragione (almeno questo è l'effetto che hanno si di me), ed infatti pian piano le nostre frequentazioni diminuirono, senza però diminuire di intensità..... La ragione... uhm..... forse è più giusto dire l'amore (Che di ragionevole non ha proprio nulla), mi ha in fine portato a sposarmi e ad avere una figlia. La giusta fine? No in realtà non è finito nulla, almeno fra di noi, certo gli impegni famigliari mi portano a trascuravi e sempre più spesso passano intere settimane che non ci si frequenta ma voi siete sempre li ad aspettarmi, che sia per una lunga notte o solo per qualche oretta siete lì, sulla mia scrivania, con le vostre lucine blu e gialle, con vostri "vestiti" neri, la vostra musica, i vostri giochi...... è si è proprio facile rincoglionirsi davanti ad un computer, sopratutto quando è insieme al suo fedele e complice amico router. In questa breve storia è non è frutto della mia fantasia, ma è realtà ;)

Nessun commento:

Posta un commento