venerdì 16 marzo 2012

…….. non sempre è così

Che lo vogliamo o no ci sono delle persone che sono in grado di farci cambiare umore.
La maggior parte delle volte mi devo sforzare per non esternare ciò che amici/che con cui parlo (La maggior parte delle volte mi ritrovo ad ascoltare più che parlare) mi lasciano. Questo perché ciò che trasmettono è spesso amarezza, tristezza, rabbia o odio……..
Tutto questo per dire cosa? Semplice, che non sempre è così.
Se la memoria non fa brutti scherzi (E lo fa spesso) sono passati almeno 15 anni dall’ultima volta che ci siamo visti ed ora grazie a quel benedetto/maledetto “luogo” chiamato facebook stiamo per rivederci.
E’ presto.
Arrivo quasi sempre in anticipo agli appuntamenti ed anche questa volta mi ritrovo a gironzolare per i negozi del centro commerciale. Per ingannare il tempo compero due cartucce
per la stampante e mi faccio una dose delle mie due droghe non nocive, tecnologia e libri,
passo un paio di volte davanti la bar dove abbiamo appuntamento, ma nulla, anche perché è ancora presto.
Esco dal centro commerciale per fumarmi una sigaretta e mi faccio un altro giretto per i negozi “Uhm...... queste cavolo di console sono un’attrazione tropo forte… se non esco da questo negozio mi porto via una XBOX360”………. Passa una mezzora e mi avvicino nuovamente al punto dell’appuntamento. A prima vista non noto nessun volto famigliare “certo sono passati diversi anni e potrebbe esser cambiata”.
Sposto lo sguardo al negozio prima del  bar e…… si è lei! Era intenta a guardare il cellulare, alza il viso… si incammina verso il bar…. lo sguardo vaga in giro fino a quando non si accorge che la sto guardando e che mi dirigo verso di lei. Inizialmente è seria mentre mi guarda e mi viene incontro, poi dopo qualche passo sorride…….. e si illumina.
Si è tutto come ricordavo ed anche in questo non è cambiata, lei fa parte di quelle poche persone che sanno illuminarsi e che ti avvolgono con la loro luce (Si lo so che sono un pazzo visionario e se non mi capite o mi prendete per matto non c’è problema) lasciandoti una piacevole sensazione di gioia.
Ci salutiamo, ci rendiamo probabilmente conto che siamo realmente le persone con cui dovevamo incontrarci (Si anche questo può sembrar strano lo so) e poi iniziamo a chiacchierare. In un’oretta parliamo un po’ di tutto del passato, della scuola, del presente, del futuro delle cavolate e delle cose serie… parliamo un po’ di tutto…….. parliamo…… già che strana sensazione…. normalmente io ascolto non parlo, normalmente il ruolo che mi viene richiesto (Non in modo esplicito naturalmente) è quello di ascoltare, ma questa volta non mi veniva chiesto questo e soprattutto con mio grande stupore mi sono ritrovato più volte ad interromperla (Mia moglie pagherebbe per non essere interrotta da me mentre parla… ma lei ha un trattamento speciale) per raccontare la mia esperienza. Non ricordo come era vestita, non ricordo di colore avesse i capelli o come li portava……., ricordo i sui occhi sorridenti, la sua voce chiara e decisa e allegra e il suo saper “illuminare”.
Il tempo vola quando stai bene, infatti anche la nostra chiacchierata volge al termine e ci salutiamo ognuno diretto alla propria macchina e alla propria vita.
Era tanto che non raccontavo più qualcosa su questo blog ed anche da altre parti, quindi mi scuso se sono stato un po’ contorto.
Ops dimenticavo:
Questo perché ciò che trasmettono è spesso amarezza, tristezza, rabbia o odio…….. non sempre è così.

Questo post, risale a circa 3 anni fà..... grazie Cri !!!

2 commenti:

  1. cioè l'incontro è di tre anni fa?..e l'epilogo?? :-)) Ti conosco da pochissimo (dire conosco è sempre esagerato, ché le persone non le conosci nemmeno dopo un ventennio) ma a me trasmetti simpatia e allegria.

    RispondiElimina
  2. Grazie.... :p
    L'epilogo?..... non c'è un epilogo, ci siam visti e rivisti per un periodo anche con le famiglie... poi per casini vari solo noi due o con altri compagni di scuola (l'ultima volta una decina di giorni fà) ;)

    RispondiElimina