venerdì 3 agosto 2012

Ed io perchè resto in piedi?


ok...ok.... non me ne vogliate, ma oggi (in realtà è più un pensiero di ieri sera/notte) è paranoia pura, quindi siete avvisati, potete anche saltare la lettura.....

Ci sono dei momenti che tutto intorno a me crolla.
Tutto, il mio tutto in realtà è molto limitato. 
Il mio tutto non è certo il lavoro, la macchina, la casa o semplicemente il denaro (per carità datemelo e risolvo un bel po’ di casini), il mio tutto, la mia linfa vitale son le persone che per qualche strano motivo incrociano la mia strada e che decidono di far due passi con me.
Ci vivo di queste compagnie, alcune sono fondamentali altre uniche nel loro essere vitali.
Poi inizio a sentire i primi tremiti, i primi scossoni, le prime crepe sulla strada e vedo i miei compagni che barcollano, cadono si fanno male, soffrono per le loro cadute.
Io son li, loro camminano con me ed è naturale che tenti in ogni modo di tirarli su di vedere se posso in qualche modo "curare" o almeno lenire le loro sofferenze. Probabilmente lo faccio più per me che non per loro, perchè loro mi fan star bene e se i mie compagni "giramondo" non stanno bene io non riesco a camminar tranquillo....
E... poi i periodi come questo... dove mi guardo intorno e mi rendo conto che son fermo, non cammino, non cammino perchè non vedo la strada ma soprattutto i miei compagni (quelli vitali.... essenziali) son a terra ed io non riesco a farli tornare a camminare. Non come vorrei io.
No, non voglio esser il salvatore ne il buon samaritano, assolutamente no.
Io voglio cadere. 
Ma non cado, non cado perchè sono un maledetto equilibrista, maledettamente prudente e calcolatore, non ho coraggio di far un passo se prima non ho studiato i prossimi 100 ......
Magari un giorno troverò chi mi ricorderà come si cade e quanto possa esser bello rialzarsi e continuare a girovagare....

P.S.
Scusate, ma quando mi prendono ste paranoie le devo scrivere, lasciarle scritte, anche se non so di preciso cosa ho riportato, così da potermele togliere dalla testa.... e magari dirmi anche, quanto so idiota e prendermi per il culo da solo..... ;)










13 commenti:

  1. E di cosa ti scusi? Scrivi e butta fuori il malloppo che t'angoscia... son PP questi... PeriodiParanoici... Ma poi passano!
    :-D un sorriso tutto per te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto mi prendo il sorriso...... :p
      Per il resto... son così, mi entrano in testa ste paranoie, poi le scrivo... e poco dopo mi passa (ad esser sincero mi ero anche dimenticato di passare a vedere i commenti).
      Grazei Silivietta :)

      Elimina
  2. perché resti TU in piedi? ...perché stai sicuro che quando sarà il TUO momento.. cadrai. TI farai male. Ma TU non sarai solo. Quanto è vero che di SuN ce n'è una sola.
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda.... che peso :p
      Grazie, sempre.

      Elimina
    2. ehehe...sai che concezione ho io del "grazie"... la stessa tua ;) sempre stanne certo

      Elimina
  3. io cado, mi rialzo, cado di nuovo...ma oramai ho le ginocchia sbucciate ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son caduto... son caduto... e troppe cose mi son sbucciato, forse per questo son restio a ricadere per questo farei di "tutto" per non far cadere chi è vicino :)

      Elimina
  4. Uff..son al lavoro e sta per entrare Saw. E se mi becca a ditamare sul telefono...son cazzi:D ma...ecco ,non ho capito bene se il cadere lo usi come metafora di ammalarsi o deprirmersi, buttare giu' ....pero' ti rispondo meglio senza Saw....nano nano la tua mano:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cadere... è una semi-metafora :p
      Per cadere devi almeno camminare.... :)

      Elimina
  5. Magari non cadi proprio per aiutare chi è caduto o sta per farlo...o magari non ti sei neppure accorto d'esser caduto perchè qualcun altro, nel frattempo, ti ha sorretto evitandoti il capitombolo "duro"..Mah Boh, sarai anche calcolatore..uno che non fa il passo più lungo della gamba ecc ecc..ma..prima o poi qualche calcolo salta..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è vero.... prima o poi qualche calcolo salta, ma non sempre me ne dispiace :)

      Elimina
  6. Si cade anche quando si resta in piedi, se non si è caduti perchè non ci si è mossi.
    Capita a tutti.
    Basta non fissarsi di essere gli unici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo.... che che il cadere restando in piedi sia una frase che faro mia :) Non credo sia molto distante dalla realtà, ti vedono in piedi, ma sei caduto :)
      No... no.... unico in nulla :)

      Elimina