venerdì 29 giugno 2012

.... e tocca pure a me ;)

Bene o male.... ogni tanto vado in ferie anche io (non che mi ammazzi di lavoro normalmente) .... ma sembra brutto rinunciare alle ferie, "pensa a tutti quei poveri giapponesi che hanno mezza giornata all'anno di ferie" .... ecco io sono altruista e penso a loro :)
Quindi mi assento per un paio di settimana (o forse due cavolate dal cellulare le posto...boh :p ), fate i bravi/e, non scrivete troppo sui vostri blog, che poi mi ritrovo gli arretrati.



 Resting in a dream

Within there's every little memory resting calm with me
Resting in a dream
Smiling back at me
The faces of the past keep calling me to come back home
To caress the river with awe


mercoledì 27 giugno 2012

No...oggi... no...

Sigaretta del condannato.
Quella maledetta sigaretta che mi fumo in circa 20 secondi prima di rientrare dalla pausa pranzo.
La accendo, faccio i primi tiri.....
Non è neanche un mese che sono in questi uffici, quindi ancora poca confidenza con i vari barristi (quì si usa così.... il barista è il tuo primo amico di una zona nuova.... tempo un paio di mesi e ti manda a fanculo di prima mattina)..... sto per fare il terzo tiro....
Ed eccolo, esce il barista, sigaretta in bocca e cellulare in mano, mi guarda, sorride e si accende la sigaretta avvicinandosi a passi lenti verso di me....
 Sta scrivendo un messaggio sul cellulare, alza gli occhi e mi fa... 
- Certo che a certa gente, dovrebbero proprio evitare di andare in giro.....
Me lo guardo, sorriso di circostanza....
- Non è possibile che si possa star male così per....
Spalanco gli occhi... me lo guardo...e non posso farne a meno...
- No !!! per favore oggi no !!!
 Spengo la sigaretta ancora a metà e salgo in ufficio.


 


Boh !!!

venerdì 22 giugno 2012

Voglio solo .....

Con gli amici, sul lavoro, in amore, a letto, nel gioco e in qualsiasi altro ambiente dove devo o voglio relazionarmi con una o più persone..... :

Non voglio padroni
Non voglio schiavi
Voglio solo degni avversari













giovedì 21 giugno 2012

C’è oretta e oretta….


Ed il povero commesso ignaro, dopo aver guardato l’orologio disse:

-        Tra un’oretta è tutto pronto, il tempo che mangiate qualcosa e al vostro ritorno siamo pronti.

Tra me e me penso (parolona…. Lo so): un’oretta….ok, ho giusto fame e soprattutto una gran sete, mi sto per girare ed uscire quando…….
Il collega che era con me:
- 
            - Un’oretta?.... 

Guarda il suo orologio lo indica e girando il quadrante verso il povero commesso (ignaro del suo grande errore di valutazione), dice:

-        Bene, sono le 12,00 !!! Ci vediamo alle 13,00….

Si vede…. È palese …è disorientato, intimorito ed un po' preoccupato, riesce solo a ripetere (commettendo il suo secondo errore):
-         
 -  Si, si un’oretta…. 

Ed arriva la seconda dose di precisione:
-         
           Appunto, sono le 12,00 il tempo di fare un giro e alle 13,00 siamo qui !!!

Ora ha capito, l’ignaro commesso ha finalmente capito con chi ha che fare e ci saluta cordialmente…. frastornato ma cordiale :p

E quindi…. Un’oretta non è per tuti uguale :p


domenica 17 giugno 2012

Provo un...

Provo un particolare gusto ad andare in alberghi, ristoranti e locali "in" ...... vestito con bermuda da scampagnata, maglietta di cotone a maniche corte (con stampato sopra ben evidente qualche disegno strano.... "oggi autorobot... distructor"), scarpe da ginnastica vecchie e non ben conciate e guardare le facce della gente ;)



p.s.
Postare al volo dal cellulare... è un po una rottura :p

lunedì 11 giugno 2012

E come l’aria....

E’ da siesta messicana, caldo torrido che ti impedisce di far qualsiasi movimento.
Dovrei alzarmi. Star sotto il sole, seppur seduto su di una panchina non è proprio l’ideale.
Il corpo non ha nessuna voglia di reagire agli stimoli del cervello (Se mai ve ne fosse uno).
Immobile, accaldato ed inizio ad esser schifosamente sudato....
Ma non ho la forza di muovermi.
Ad un passo dalla semi-incoscienza......
Un soffio, come se un bambino di pochi anni mi avesse soffiato dietro il collo.
Poi piano piano il soffio inizia ad esser costante, fresco, rivitalizzante..... aria.
Mi alzo quasi di scatto chiudi gli occhi spalanco le braccia....

Mi piace vedere come persone, piante e animali reagiscono al mio passaggio.
Li percepisco ed a volte mi soffermo a conoscerli.
Oggi ho voglia di conoscere. Mi guardo intorno e lo vedo, seduto su di una panchina immobile sembra quasi dormire.
Scendo lentamente verso il suolo, mi avvicino.
Inizio lentamente a sfiorare le parti di pelle non ricoperte da quei fastidiosi indumenti.
La pelle è calda tutto il corpo lo è.
Lo avvolgo, ne “sento” l’odore, la consistenza della pelle, seguo le curve del corpo.
Corpo che sento reagire al mio passaggio.
Si muove si alza e compiendo alcuni movimenti aumenta la superficie a mia disposizione.
E’ ora di andare, non posso star “fermo” troppo a lungo... non posso... non è la mia natura....
Io sono solo aria....






venerdì 8 giugno 2012

Deliri da trasloco.......

<link rel=stylesheet href="./css/stile.css" type="text/css">
<script language= PORCA MISERIA CHE GRAN CASINO "JavaScript" src="./js/xxx.js"></script>
<script language= FORTUNA CHE DI LINGUA CONOSCO A MALAPENA L'ITALIANO ALTRIMENTI IMPRECAVO ANCHE IN ARAMAICO"JavaScript">
  function submit_form(FormName){
    var myform = LE VARIABILI SONO SOLO DUE document.getElementById('form_gest_tra');
    var inputTags = MI PRENDONO IN TESTA CON UNA SCRIVANIA?                                          myform.getElementsByTagName('input');
    var cbResults = O MUOIO SOFFOCATO DALLE BALLE DI POLVERE? '';
    var checkboxCount = 0 DOVE ZERO SONO LE PROBABILITA' CHE PASSI INDENNE LA GIORNATA;

    for(var i=0; i<inputTags.length; i++){
      if SE DEVO STAR COSI' SCOMODO(inputTags[i].type == 'checkbox'){
        if SE NEANCHE RIESCO A LAVORARE BENE (myform.elements[i].checked == true){
          cbResults += CHE CAVOLO STO FACENDO ANCORA QUI'? myform.elements[i].value+'|';
          checkboxCount++;
        }
      }
    }

    if SE SONO GIA' ESAURITO IN QUESTO MODO A META' GIORNATA (checkboxCount == 0){
      alert('MANDATEME A CASAAAAAA !!!!' 'Attenzione!!! Selezionare almeno un tracciato');
    }else{
      myform.lista_trc.value = cbResults;
      alert('OK --> OK?... OK PROPRIO NULLA '+myform.lista_trc.value);
    }
  }


 Se pO lAvOrA cOsI' ?

09 giugno 2012
Ritorno alla normalità..... ???

mercoledì 6 giugno 2012

Caro Presidente Napolitano

Caro Presidente Napolitano,
ho letto che domani ha intenzione di visitare "la Bassa".
Le chiedo un piacere (ma può anche interpretarlo come un amichevole consiglio): non venga.
Resti a Roma.

... Caro Presidente Napolitano,
esiste il momento giusto per fare una cosa giusta: il momento giusto, però, è già passato.
Se fosse venuto la mattina del 20 maggio, o il pomeriggio del 29, l'avremmo accolta a braccia aperte.
Ci saremmo stretti a Lei, come ci si stringe ad una figura paterna, ci saremmo stretti a Lei che ci sembrava uno dei pochi politici degni di rispetto e di stima, ci saremmo stretti a Lei, confidando in una parola di conforto.
Ma non ora.
Non dopo due settimane.
Ora è tardi.

Caro Presidente Napolitano,
ci sono parole giuste da dire nel momento giusto: Lei, però, ha usato parole sbagliate.
"Non è il momento di piangersi addosso".
Caro Presidente, non poteva trovare parole più sbagliate: ci hanno fatto male quanto la caduta delle nostre torri, ci hanno fatto male perché da Lei non ce le saremmo mai aspettate.
Caro Presidente, me lo lasci dire: Lei non ha capito assolutamente niente di noi modenesi.
Non ci siamo pianti addosso: abbiamo pianto i nostri cari, i nostri affetti, il frutto del nostro lavoro. Ma abbiamo pianto con dignità, che è una cosa sempre più rara e forse anche Lei si è dimenticato che faccia ha, la dignità.
Se fosse venuto qui, la mattina del 20 maggio, il pomeriggio del 29, l'avrebbe potuta vedere: ha la faccia di ogni mio concittadino.
Ha la faccia dell'anziano che dice alla giornalista "Qui è crollato tutto, ma non siamo crollati noi".
Ha la faccia delle rezdore che, pur senza casa, continuano a friggere gnocco per i volontari, per la protezione civile, per i vigili del fuoco impegnati negli aiuti.
Ha la faccia di tutte le persone che dicono "Sì, è crollato tutto, ma lo ricostruiremo com'era".
Avrebbe potuto vederla, che faccia ha la dignità, caro Presidente, se solo fosse venuto al momento giusto, con parole giuste.

Caro Presidente Napolitano, c'è un'altra cosa che forse non ha capito, di noi modenesi: non dimentichiamo.
E Lei vuole venire al momento sbagliato, dopo aver detto parole sbagliate.
E, caro Presidente Napolitano, sui nostri volti potrebbe trovare non solo dignità, ma anche rabbia. Tanta rabbia.

Caro Presidente Napolitano, per piacere: non venga, resti a Roma.

Luca Barozzini

Ma siete sicuri?

Oggi ho voglia di darmi torto e come ci riesco io ci riescono in pochi.
Ogni tanto la sera la tv mi annoia e mi metto a gironzolare con il cellulare su fb e di conseguenza condivido qualche boiata i "pirla" di sagazza in bacheca.
L'altro giorno (ieri?....boh) posto questa:

E QUANDO
IMPARI A
FREGARTENE..
HAI
STRAVINTO!

Credete in questa frase? 
Naturalmente se io la posto vuol dire che ci credo e tra i vari "mi piace" e commenti ne trovo uno di un'amica:
"Saggio. Tu sei il mio Guru! :)"
Vi sta piacendo questa autocelebrazione?.... 
Ora il rovescio della medaglia.
E' vero ci credo ed applico il "me ne frego" in tantissime occasioni, ormai mi viene naturale, talmente naturale che spesso è inconsapevole. 
Ho stravinto?
Si, forse agli occhi dei più, si e questo ti da un minimo di soddisfazione.
Ma per fregartene veramente e quindi stravincere ti devi freddare ti devi saper controllare e forza di farlo diventa un "non stile" di vita.....
Peccato alla lunga ti accorgi che ti stai veramente freddando, che riesci a guardare con distacco molte cose, che situazioni per altri gioiose o tristi per son solo situazioni.
Te ne accorgi, lo senti.... e ti chiedi .... "Ma ho stravinto?"

P.S.
Ad esser sincero?.... non so perchè mi è venuto fuori sto post
Dai... che l'ho fatta anche breve.... :)

lunedì 4 giugno 2012

.... Rifamose

Ecco..... tanto va di moda e visto che io son uno che segue le mode (forse riesco a non ridere) ....
Anche io (...principalmente per "colpa" loro: Silvietta e chaillrun) ho deciso qualche ritocco.
E' stata dura.... ma alla fine per apparire come si deve, qualche sacrificio bisogna pur farlo.

Prima della cura (pescato da fb) ..... 2009

Dopo la cura .... oggi ;) :



uhm..... fumo ancora....

P.S.
Versione estiva... semi abbronzato :p

sabato 2 giugno 2012

E alla fine, la domanda:......


....Chi è realmente al centro della storia? Chi manovra il sipario? Chi è che decide la coreografia della danza? Chi ci porta alla follia? Chi è che ci sferza e ci incorona vincitori quando sopravviviamo all'impossibile? Chi è che fa tutte queste cose? Chi ci ispira a onorare quelli che amiamo con la nostra stessa vita? Chi manda i mostri a ucciderci e allo stesso tempo canta che non moriremo mai? Chi ci insegna che cosa è reale e come ridere delle bugie? Chi decide perchè viviamo e per che cosa dobbiamo morire? Chi ci incatena e chi ha la chiave che può renderci liberi? Sei TU... hai tutte le armi che ti servono... Combatti!


Film: Sucker Punch



venerdì 1 giugno 2012

Arrivo prima io al benzinaio o ......

Arrivo prima io al benzinaio o la benzina a fine serbatoio?
Quanto non sopporto la spia della benzina accesa, sta lì che ti fissa fiera con quell'aria di sfida, con quello sguardo penetrante che sembra dirti :
" Dai....dai... vai avanti se hai il coraggio, fai qualche altro kilometro.... dai...dai... salta anche questo benzinaio... dai...dai... lo so che non hai il coraggio... !!! "
Di norma accetto le sfide, ma so anche valutare il mio nemico e questo è un nemico infimo e subdolo, non l'accetto.
Quindi con lo sguardo fisso a quella maledetta lucina mi appresto a fare quei 10 km che mi separano dal primo benzinaio.
Non basta il bagliore della sfrontata ci si mette anche quel cavolo di countdown stile "The Ring", che in teoria ti avverte quanti kilometri mancano alla tua fine. 
Il mio si presentava così: ------ km 
Lunghi 10km fatti così, lunghissimi, considerando che il 70% sono ti puro ingorgo.
Ma eccolo....
Lo vedo...
La terra promessa, il paradiso terrestre, la sorella che non ho mai avuto, la donna perfetta, il mio piatto preferito.... vabbè.... il benzinaio !!!
Ho vinto.... metto la freccia, entro nell'autogrill... ed ora so come rispondere al quesito....  
Arrivo prima io al benzinaio o ...............
Mi giro verso il sedile del passeggero per vedere dove diavolo è finito il marsupio....
Stridio tipico di ruote bloccate che continuano la loro corsa sull'asfalto... 
Alzo gli occhi....
Non credo di aver avuto il tempo di fare un qualsiasi ragionamento....
D'istinto ho sterzato verso l'unico lato libero della strada ed allo stesso tempo ho inchiodato...... 
Troppo tardi.....
Spengo la macchina, guardo in cielo e mentalmente inizio a sfogliare il calendario.... partendo sempre dal padrone di "casa" .....

Arrivo prima io al benzinaio o ...............




Effettivamente era troppo integra per essere una mia macchina.... ;)
Buona Giornata a voi !!!