lunedì 4 febbraio 2013

Alla fermata dell'autobus...

Raro che prenda i mezzi in città, preferisco mouvermi con la macchina (questioni di tempo), ma ogni tanto ci riprovo e devo dire che ha sempre il suo fascino.
Quindi, fermo alla fermata dell'autobus a fumarmi la mia sigaretta (spero sempre che Murphy non mi tradisca.... e... si non era la sigaretta elettronica...) ed intanto mi guardo i due "compagni" d'attesa.
Una vecchietta tutta infagottata, con le sue belle buste della spesa (secondo me, dopo una certa età le danno in dotazione a tutte le vecchiette che prendono i mezzi pubblici, perchè altrimenti non spiego) ed una ragazza, leggermente spostata alla mia destra, di spalle alla strada ed intenta a scrivere qualcosa sul cellulare.
Finisco la sigaretta e niente.
Dopo una decina di minuti in lontananza, vedo la sagoma ingombrante ed arancione di autobus avvicinarsi.
Socchiudo gli occhi per metter a fuoco il numero.... 311, no... non è il mio.
Arriva alla fermata.
La vecchietta sale arrancando con le sue stracolme buste.
La ragazza, che nel frattempo ha smesso di scrivere e si è voltata verso la strada guarda scendere la gente.
Scendono un po di persone e in automatico mi vien da alternare lo sguardo tra la ragazza e passeggeri dell'autobus che scendono.
Tra gli ultimi a scendere c'è un ragazzo, che poggia terra il suo trolley (verrà dall'aeroporto o dalla stazione) e si guarda in giro.
Guardo lui...
Guardo lei....
Lo vede, sorride, di quei sorrisi luminosi che iniziano dalla bocca e finiscono negli occhi, passando per tutto il viso.... e gli corre incontro.
Guardo lui....
La vede, risponde al sorriso e rimane li, con una mano sul trolley e con l'altra mette in tasca il cellulare.
Finalmente il campo visivo è unico...
Lei continua la breve corsa verso lui e quando è a pochi centimetri, spicca un salto.... le gambe intorno alla vita e le braccia al collo di lui....
Ok.... ora cadono.... questa è la mia prima riflessione...
Lui la regge con l'unico braccio libero (ad occhio e croce il braccio era superfluo per come era ben avvinghiata lei) ed affonda la testa lateralmente nel suo collo...
Lei fa lo stesso e restano così per alcuni secondi.
Alzano le teste e sempre nella stessa posizione si guardano.... un bacio leggero sulle labbra... Sorridono.
Lei allenta la presa con le gambe.....e dopo aver sciolto l'abbraccio scende...
Lui passa il braccio dalla vita alle spalle....
Sorridendo si allontanano.
Son passati altri dieci minuti.... e alla fine è passato anche il mio di autobus...
Val la pena ogni tanto prendere i mezzi pubblici, si incrociano pezzi di vita altrui, avvolte passano così, altre ti lasciano pensieri o belle sensazioni, come in questo caso.
Di questa scena?
M'è rimasta dentro.... 
mi son rimasti impressi i sorrisi, la sicurezza di lei nel lanciarsi su di lui, non curante delle persone della possibilità che lui non se lo aspettasse o che non la sostenesse, la forza del loro abbraccio, così lungo, sospeso ma allo stesso tempo sicuro.

Al prossimo giro per la città...





 



30 commenti:

  1. Vero, vedere certe cose ti aiuta. Il più delle volte però sugli autobus non incontri gente così, ma di tutt'altra pasta, che ti fanno venire il sangue alla testa. Vabbè ora divago...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... ma guarda, ho girato per molti anni in autobus e metropolitana, si è vero che si incontra anche gente da attaccare al muro, ma sinceramente me ne son sempre fregato di tutti e mi son solo divertito a farmi i cazzi altrui con discrezione ;)

      Elimina
  2. Anche stare in macchina ti fa vivere piccoli frammenti di vita altrui che ti restano impressi... Almeno per me è così, sul bus ero quasi sempre distratto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in macchina mi isolo... è la mia casa ambulamente, un mondo quasi solo mio, dove mi ci chiudo e vedo poco o nulla di quello che accade intorno a me... ;)
      Ci son distrazioni e distrazioni :)

      Elimina
  3. Adoro farmi i caz** altrui e riuscire a cogliere, quando ci sono, questi piccoli frammenti di amore. Poi finisce è ovvio, però in quel momento almeno c'è. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici ... bene e vale sempre la medesima "regola" ormai svenduta ..... "cogli l'attimo" ...quello faccio, che sia il mio o che di altri ;-)
      Poi certo .... facile anche assisterà furibonde liti ;-)

      Elimina
  4. Io l'ultima scena che ho visto sull'autobus è di due vecchiette che si prendevano a pizze e si davano delle prostitute per il posto a sedere, non è romantico... ma mi ha fatto capire una cosa: le vecchiette non vogliono stare sedute, vogliono che tu stia in piedi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa sarebbe il mondo senza vecchiette? E le vecchiette sboccacciate son le meglio \m/_

      Elimina
    2. Quante maleparole mi sono preso dalle vecchiette .... ormai ho il filtro ... non le sento proprio ;-)

      Elimina
  5. bah non so te, ma io un cis d'invidia la provo per la scena tutta: cioè cavoli, trovare chi regga mio cotanto corpicino sarebbe miracolo unico :)
    cmq prendo spesso mezzi pubblici (treno maggior volte) e si vero, è una bella visione di tante scene: è vita che pulsa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invidia no.... non sono pessimista, quindi come ho vissuto sulla mia pelle molte delle liti a cui ho assistito in giro .... un giorno chissà vivrò in prima persona anche una scena simile ...
      Hai detto bene a guardarli mi è rimasta addosso una sensazione vitale.

      Elimina
  6. bello il momento di vita che hai colto e ...il tuo post! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Il post se è bello è solo grazie agli attori ignari... che mi han lasciato un po di "bello" dentro ;-)

      Elimina
  7. Prendo i mezzi praticamente ogni giorno da sempre (non ho nemmeno la patente)... e scene così non le becco mai mai mai. Trovo solo gente scazzata all'inizio o alla fine di una scazzatissima giornata che per il malumore non fa altro che dar fastidio al prossimo. E quindi, ormai da sempre, son cuffie alle orecchie e bado poco a quello che ho intorno... peccato :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco ho passato mezza vita sui mezzi .. ed effettivante spesso succede quello che dici tu....
      Ora li uso molto meno e quindi mi godo di più queste cose (da dire che questa scena era anche fuori orario lavorativo) ;-)

      Elimina
  8. Una bella scena, sì.
    Anche io guardo sempre chi sale e scende dal bus, cerco d'immaginare le loro vite e i loro pensieri...

    RispondiElimina
  9. Bella si.
    quando andavo a scuola (ehmm non andavo) insieme ad una amica ci mettevamo seduti sulla scalinata di piazza di spagna e inventavamo le storie dei passanti ;-) ........ ma questa era vera :-P

    RispondiElimina
  10. meglio di un film, la gente. Però a volte mi mette malinconia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bhe... in fondo, la gente siamo anche noi, quindi anche noi abbiamo il nostro film.
      Perchè malinconia?

      Elimina
  11. a volte penso, ecco abbracciatevi ridete, mediamente uno di voi sarà infedele a vostra insaputa... 1 su 10 vi fotterà soldi.. insomma sono una tipa allegra :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Realista..... più che altro.
      Però son d'accordo con ciò che ha scritto un po sopra Berry "Poi finisce è ovvio, però in quel momento almeno c'è"... E questa scema mi è rimasta impressa, perchè in quel momento era sincera...., magari solo in quel momento, magari oggi già finito tutto.... lì era così :)

      Elimina
  12. Ehi Boh..ma perché non riesco a lasciarti un commento sull'ultimo tuo post pubblicato "...cambia il vento"? :(
    Volevo solo dirti che mi è piaciuto molto quello che hai scritto. Belle le parole e belle le emozioni e le immagini che sei riuscito a trasmettere.
    (Prendo spunto da una famosissima canzone) "Cambia il vento...ma noi no"...?

    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :)
      Non ho abilitato i commenti a quel post... :)

      Elimina
    2. Cambia... il vento... e noi anche, magari non dentro, ma sicuramente si cambia strada ;)

      Elimina
  13. Ah ecco...dicevo io..Sì che cambia il vento ma che tolga la possibilità di commentare cavolicchi!!:-) Alla fine ti commentiamo qua:-) Bel cambiamento Boh...solo che dal telefonino è dura caricar il blog.."s'impalla" tutto..abbi pazienza se spesso non commento (ultimamente il vento non è a mio favore)..Ps: ultimamente ascolto i Linkin praticamente 24hsu24...o quasi...devo pur dormire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eleeeeeee !!!
      Me sei sparita .... proprio oggi cercavo il tuo blog ..... Se per "risentirti" devo togliere i commenti ai post ..... continuo così ;-)
      Il vento di rado soffia alle spalle.... basta sia chiara la meta ;-)
      Linkin ? ..... bella musica ... caricano un po :-)
      Io aspetto ed ho pazienza ;-)

      Elimina
  14. Ma che bello.
    M'è rimasta l'emozione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie... :)
      Passati un po di giorni... ma in testa ogni tanto ancora mi rivedo questa scena :)

      Elimina