mercoledì 27 febbraio 2013

Luce Nera.....

Oh non ci posso far nulla, "ci ripenso come i cornuti" ed anche a distanza di tempo.
Mi dissero, chiesero... proposero (Charlie68g in questo suo post...... ehm... Charlie, dimmi se devo pagarti i diritti per la citazione): "una lampada che fa il nero? se mi trovi l'utilità te le invento".
Ecco, questa mattina mi son svegliato con questa fissa di trovare un'utilità alla "luce nera".
E' un po un controsenso, lo capisco, una luce, in quanto tale non può esser nera...però...
Tanto per curiosità, mi son andato a vedere se esisteva una cosa del genere e da quel che ho capito, la cosa che ci avvicina di più ad una luce nera è la Lampada di Wood (non mi va di spiegare cosa è... leggetevelo se vi va) ... che nera non è.
A cosa potrebbe servire una lampada che produce un fascio di non luce nera?
Semplice, a fare il contrario di quello che fa una luce normale, può servire a nascondere.
Possibili applicazioni?
Cerco di togliere tutti gli utilizzi illegali che mi vengono in mente (diversi.....) e......

- La si può utilizzare per nascondere la propria macchina parcheggiata all'aperto o qualsiasi altro oggetto si voglia nascondere (a mo di antifurto silenzioso), certo, non può esser troppo grande altrimenti il buco nero sarebbe troppo evidente.
- La si potrebbe usare (per dormire meglio) in tutta quella parte di mondo, dove hanno il sole 24/24 ore, per diversi mesi (che ne so, i protagonisti dei film girati in quei posti si devono inventare sempre l'impossibile per riuscir a dormire).... click e buio tutto intorno a te, senza dover mettere quelle ridicole mascherine sugli occhi (spero... non si offenda nessuno che le usa).

Non me ne vengono in mente altri.... se a voi si, prego accomodatevi.

P.S.
Oh... una fascia di mercato questa invenzione l'avrebbe.


 
 

mercoledì 20 febbraio 2013

Guida intergallattica... al cazzeggio....

Vi volete fare due risate? (magari son stupido io che rido per nulla... "fate vobis")
Vi lascio questa mini guida (sperimentata questa mattina con il blog dell'ignaro Mr. Incredible e dopo su quello di chaillrun, spero non me ne vogliano) al cazzeggio.

Fate un bel copia di un intero post.

Andate sulla pagina del traduttore di google.

Incollate il tutto nel form che vi compare.

Impostate il traduttore in Italiano -> Inglese.

Bene.
Ora, in basso nel lato non tradotto (quindi la parte che avete incollato) trovate un'icona con un altoparlante



 Cliccate e ascoltate.
Dimenticavo, poteteva provare anche la variante devastante di cambiare la lingua:

Tornate in alto e cambiate la lingua "Da: "


 

Tornate sotto e ascoltate nuovamente.
Io ho provato lo spagnolo e il francese..... lo spagnolo per ora non si batte.

Fatemi sapere.

Cazzeggio puro.

lunedì 18 febbraio 2013

Stralci di.....

Settimana strana quella da poco terminata.

"Colpa", merito del piacere di legger blog altrui son incappato in un post di Insight dove si acennava alla vendetta e mi son fatto un paio di conti.
Non sono vendicativo io, sono uno che lascia passare, che dimentica, che passa tutto con una pacca sulla mia spalla, che sorride volentieri a torto subito, che di fondo se ne frega un po di tutto e tutti........
Tutto chiaro?
Ok, facendo due conti con me stesso mi son reso conto che ho riscosso quasi tutti i crediti che secondo me vantavo. Me ne son rimasti due, ma riscuoto anche quelli, perchè.......
Perchè è vero tutto quello che scrivo ed è vero anche tutto il contrario.
La Vendetta è un piatto che mi piace, ma a modo mio e come lo "cucino" io.
Chi fa torto, raramente si accorge di quanto mi abbia "infastidito".
Pochi minuti, ore, giorni (a seconda della gravità) e son tutto sorrisi.
Aspetto di smaltire la rabbia.
Aspetto che l'atro si dimentichi della vicenda o che passi in più che in sordina.
Magari diventa anche il mio "migliore" amico.
Poi mi vendico, preferibilmente riscuotendo almeno la stessa "cifra" toltami.
In alcuni casi il "debitore" non è neanche a conoscenza del fatto che sta pagando a me.... ma non mi interessa.
Delle volte son passati anche anni (10?... si ultima 10 anni e qualche spiccio).

Settimana Ruzzle...
Maledetto giochino, io lo sapevo che non dovevo iniziarlo ma sempre per "colpa" Vostra mi sono incastrato per benino. Mi salvo che in ufficio ho poco tempo per giocarci (si... scrivere due righe nel blog lo gestisco meglio) e quindi non è diventata una vera malattia.
Ora inizia a darmi qualche soddisfazione anche se ancora non riesco a battere la spacciatrice di questo gioco.
La "uso" come cartina tornasole, per vedere se ho fatto progressi.
Quando sto in serie positiva, quando vedo che ho due o tre partite in coda per farmi prima l'occhio lancio la sfida a Silvia e....... niente da fare, la mia spacciatrice non è ancora alla mia portata ..... "maledetta" te :p

San Valentino.... archiviato.

Sabato ho provato dopo diversi anni a tornar a giocare di ruolo (ho una certa età lo so, ma tiene la mente impegnata ed allena molto bene la "ricitazione").
Bah, sarà perchè non avevo mia provato questo gioco in particolare (Son sempre stato un appassionato D&D), sarà perchè devo per forza fare il buono (che palle.... mi viene così male), sarà che chi narra ed inventa la storia non è proprio una persona che guardo di buon occhio (la controllo, quando mi ricordo...con 25 occhi)..... sarà che son vecchio per queste cose?
Boh, fatto sta che mi son rotto ben bene le scatole, quasi per tutta la serata.

Ieri pomeriggio son stato rapito per alcuni minuti, dal divano
E' infimo, lui... ti avvolge adattandosi al tuo corpo.
Ti scalda e ti sussurra la ninna-nanna, pochi minuti di questa tortura, complice anche il nulla in televisione.....e..... son andato in coma.
Pochi minuti però, perchè quello è comunque un sono leggero e basta poco che mi sveglio.
Il poco questa volta è stata la vocina della nana che cantava:
"tutto quello che amo fare è immorale o illegale. ......"
Cazzo.... 6 anni a giorni e già sta così?
Me ne preoccupo? O semplicemente evito di fargli ascoltare certa musica ;) 



uff.... io già so nuotare... quindi? :p

giovedì 14 febbraio 2013

... ma non ci sono.

stò a ...... ma non ci sono.
e dove sei?

Eh certo, facile a chiedersi, difficile a rispondere.
Dove sono.

Sono qui e "ballo" intorno al fuoco.
Gli giro intorno saltellando, delle volte serio, altre sorridendo.
Sono qui "seduto" davanti al fuoco.
Lo guardo affascinato quando è vivo, mi ci scaldo e sarei quasi tentato di sentire se brucia.
Lo alimento se vedo che perde di intensità, ci soffio sotto, perchè dicono che l'ossigeno alimenta le fiamme.
Non potrei mai vederlo spengersi e ridursi in leggera cenere grigia.
Sono qui che mi "allontano" dal fuoco.
Mi scanso quando vedo che inizia a bruciare qualche pezzo di legno che per sbaglio è rotolato, caduto, nelle sue vicinanze. Mi allontano e lo osservo divorare il "malcapitato" legno, fino a renderlo cenere.
Sono qui che......
Che avrei voglia di bruciarmi, per ricordarmi come è.
Sono qui ...... ma non c'è nessun fuoco... vicino.

ehehhehhe, ancora non mi son fumato nulla...... ma boh, sarà colpa della giornata e del fatto che non ho voglia di fare una cavolo.






martedì 12 febbraio 2013

..... un po di "politica"

Berlusconi: 'Signor parroco, mi vorrei confessare
Parroco: 'Certo figliolo, qual è il tuo nome?'

Berlusconi: 'Silvio Berlusconi, padre.'

Parroco: 'Ah! Ah! Il presidente del Consiglio!?'

Berlusconi: 'Si, padre.'

Parroco: 'Ascolta, figliolo, credo che il tuo caso richieda una
...competenza superiore. E' meglio che tu ti rechi dal Vescovo.'

Così Berlusconi si presenta dal Vescovo, chiedendogli se può
confessarlo.

Vescovo: 'Certo, come ti chiami?'

Berlusconi: 'Silvio Berlusconi'

Vescovo: 'Il presidente del Consiglio? No, caro mio, non ti posso
confessare: il tuo è un caso difficile. E' meglio che tu vada in
Vaticano.'

Berlusconi va' dal Papa.

Berlusconi: 'Sua Santità, voglio confessarmi.'

Papa: 'Caro figlio mio, come ti chiami?'

Berlusconi: 'Silvio Berlusconi'

Papa: 'Ahi! Ahi! Ahi! Figliolo! Il tuo caso è molto difficile per me.
Guarda qui, sul lato del Vaticano c'è una cappella. Al suo interno
troverai una croce. Il Signore ti potrà ascoltare.'

Berlusconi, giunto nella cappella, si rivolge alla Croce: 'Signore,
voglio confessarmi.'

Gesù: 'Certo, figlio mio, come ti chiami?'

Berlusconi: 'Silvio Berlusconi.'

Gesù: 'Ma chi? Il Presidente del Consiglio?'

Berlusconi: 'Si, signore.'

Gesù: 'L'ex amico di Craxi ?'

Berlusconi: 'Si, signore.'

Gesù: 'L'inventore dello scudo fiscale per far rientrare dalle isole
Cayman e da Montecarlo tutti i soldi che i tuoi amici hanno sottratto
al fisco ?'

Berlusconi: 'Si, signore.'

Gesù: 'L'amico dei Neo-Fascisti e Neo-Nazisti, particolare che si è
dimenticato di riferire al Congresso americano?'

Berlusconi: 'Ehm... si, Signore.'

Gesù: 'Quello che ha abbassato dell'1% le tasse dirette e costretto
comuni/province/regioni ad aumentare le tasse locali del 45% per
tenere aperti asili, trasporti, servizi sociali essenziali ?'

Berlusconi: 'Si, signore.'

Gesù: 'Quello che ha ricandidato 13 persone già condannate con
sentenza passata in giudicato?'

Berlusconi: 'Si, signore.'

Gesù: 'Quello che ha modificato la legge elettorale in modo che siano
le segreterie di partito a scegliere gli eletti e non più i cittadini
?'

Berlusconi: 'Si, signore.'

Gesù: 'Quello che ha omesso qualsiasi controllo sull'entrata in
vigore dell'Euro permettendo a negozianti e professionisti di
raddoppiare i prezzi in barba a pensionati e lavoratori a reddito
fisso ?'

Berlusconi: 'Si, signore.'

Gesù: 'Quello che ha abolito la tassa di successione per i patrimoni
miliardari e subito dopo ha cointestato le sue aziende ai figli?'

Berlusconi: 'Si, signore.'

Gesù: 'Quello che ha quadruplicato il suo patrimonio personale e
salvato le sue aziende dalla bancarotta da quando è al governo e che
dice che è entrato in politica gratis per il bene degli italiani?'

Berlusconi: 'Si, signore.'

Gesù: 'Quello che ha epurato dalla RAI I personaggi che non gradiva?'

Berlusconi: 'Si, signore.'

Gesù: 'Quello che ha fatto la Ex-Cirielli , la Cirami e la
salva-Previti ?'

Berlusconi: 'Si, signore.'

Gesù: 'Quello che ha fatto una voragine nei conti dello stato e ha
cambiato 3 volte ministro del tesoro ?'

Berlusconi: 'Si, signore.'

Gesù: 'Quello che ha dato, a spese degli italiani, il contributo per
i l decoder digitale per permettere al fratello di fare soldi con una
società che li produceva ?'

Berlusconi: 'Si, signore.'

Gesù: 'Quello che depenalizzato il falso in bilancio ed ha introdotto
la galera per chi masterizza I DVD ?'

Berlusconi: 'Si, signore.'

Gesù: 'Quello che ha permesso alla Francia di saccheggiare la BNL e
si è fatto prendere a pesci in faccia quando ENEL ha tentato di
acquisire una società francese ?'

Berlusconi: 'Ehm... sono sempre io, Signore.'

Gesù: 'Figlio mio, non hai bisogno di confessare. Tu devi solamente
ringraziare.'

Berlusconi: 'Ringraziare???? E chi, Signore?'

Gesù: 'Gli antichi Romani, per avermi inchiodato qui. Altrimenti
sarei sceso e t'avrei fatto un CULO COSI'!!!

NOTA:  gli ITALIANI che riceveranno questa comunicazione hanno
l'obbligo CIVILE e MORALE di inoltrarla a 10 AMICI: non sia mai che
qualche pirla lo voti di nuovo.

giovedì 7 febbraio 2013

...... cambia il vento

Arranco da molto su questa mia strada, giusta o sbagliata che sia, con il vento costantemente contrario.
Poi....... piccole cose.... stupide in apparenza insignificanti e non legate fra di loro........


Un fine settimana diverso dal solito, diverso quanto intenso ed allo stesso tempo rilassante.

Una scena da film alla fermata di un autobus.


Vecchie compagnie di vecchie strade che con maldestre mosse si sbattono la porta in faccia.


Accompagnatore di una piccola ed in erba "Principessa", ma già con una stoffa tutta sua, che indossa la corona a mo di cerchietto.


Un piccolo angelo, di bianco candido vestito, capelli biondissimi ed occhi di un azzurro glaciale, che piange spalle al muro.


Una strana ed incomprensibile attrazione per il Joker, Jolly o Giullare....


Un faccia a faccia inaspettato, ma gradito con colui che sarei potuto essere.... e che in parte sono e sono stato.

  
...... e mi accorgo che, non ho più quel fastidioso vento in faccia che mi faceva tenere gli occhi socchiusi, che ora è la nuca ed il collo che sentono quella piacevole sensazione come di un soffio... fresco.







lunedì 4 febbraio 2013

Alla fermata dell'autobus...

Raro che prenda i mezzi in città, preferisco mouvermi con la macchina (questioni di tempo), ma ogni tanto ci riprovo e devo dire che ha sempre il suo fascino.
Quindi, fermo alla fermata dell'autobus a fumarmi la mia sigaretta (spero sempre che Murphy non mi tradisca.... e... si non era la sigaretta elettronica...) ed intanto mi guardo i due "compagni" d'attesa.
Una vecchietta tutta infagottata, con le sue belle buste della spesa (secondo me, dopo una certa età le danno in dotazione a tutte le vecchiette che prendono i mezzi pubblici, perchè altrimenti non spiego) ed una ragazza, leggermente spostata alla mia destra, di spalle alla strada ed intenta a scrivere qualcosa sul cellulare.
Finisco la sigaretta e niente.
Dopo una decina di minuti in lontananza, vedo la sagoma ingombrante ed arancione di autobus avvicinarsi.
Socchiudo gli occhi per metter a fuoco il numero.... 311, no... non è il mio.
Arriva alla fermata.
La vecchietta sale arrancando con le sue stracolme buste.
La ragazza, che nel frattempo ha smesso di scrivere e si è voltata verso la strada guarda scendere la gente.
Scendono un po di persone e in automatico mi vien da alternare lo sguardo tra la ragazza e passeggeri dell'autobus che scendono.
Tra gli ultimi a scendere c'è un ragazzo, che poggia terra il suo trolley (verrà dall'aeroporto o dalla stazione) e si guarda in giro.
Guardo lui...
Guardo lei....
Lo vede, sorride, di quei sorrisi luminosi che iniziano dalla bocca e finiscono negli occhi, passando per tutto il viso.... e gli corre incontro.
Guardo lui....
La vede, risponde al sorriso e rimane li, con una mano sul trolley e con l'altra mette in tasca il cellulare.
Finalmente il campo visivo è unico...
Lei continua la breve corsa verso lui e quando è a pochi centimetri, spicca un salto.... le gambe intorno alla vita e le braccia al collo di lui....
Ok.... ora cadono.... questa è la mia prima riflessione...
Lui la regge con l'unico braccio libero (ad occhio e croce il braccio era superfluo per come era ben avvinghiata lei) ed affonda la testa lateralmente nel suo collo...
Lei fa lo stesso e restano così per alcuni secondi.
Alzano le teste e sempre nella stessa posizione si guardano.... un bacio leggero sulle labbra... Sorridono.
Lei allenta la presa con le gambe.....e dopo aver sciolto l'abbraccio scende...
Lui passa il braccio dalla vita alle spalle....
Sorridendo si allontanano.
Son passati altri dieci minuti.... e alla fine è passato anche il mio di autobus...
Val la pena ogni tanto prendere i mezzi pubblici, si incrociano pezzi di vita altrui, avvolte passano così, altre ti lasciano pensieri o belle sensazioni, come in questo caso.
Di questa scena?
M'è rimasta dentro.... 
mi son rimasti impressi i sorrisi, la sicurezza di lei nel lanciarsi su di lui, non curante delle persone della possibilità che lui non se lo aspettasse o che non la sostenesse, la forza del loro abbraccio, così lungo, sospeso ma allo stesso tempo sicuro.

Al prossimo giro per la città...