venerdì 11 aprile 2014

..... con sta testa dove vado.

Non ho la pazienza di mettermi a discutere con gli stupidi o meglio non ho la pazienza di far valere le mie ragioni con chi considero intellettualmente menomato.
Ogni tanto mi chiedo se sarei in grado di gestire un'azienda, un ufficio, una attività che prevede dipendenti e spesso credo di non esserlo. Non riesco a far mie determinate "strategie" gestionali.
Ieri (ormai qualche giorno fa) sono stato accusato formalmente di non aver svolto un importante lavoro, cioè di averlo svolto con notevole ritardo, ritardo accumulatosi per miei errori.
Davanti a me il mio giovane responsabile e un altrettanto giovanissima vice responsabile del personale.
Mi viene consegnato il foglio del provvedimento, lo leggo...
Io: "una penna per cortesia?"
Prendo la penna che gentilmente mi viene data....
Data, firma, riconsegno il foglio.
Vcp (vice capo del personale): "Ma hai letto cosa è scritto? Non hai nulla da dire?.... guarda che è grave quello che è scritto"
Io: "Certo che ho letto, ricordo perfettamente il lavoro (pur risalendo a più di un mese fa) e ricordo altrettanto perfettamente come sono andate e cose. Anzi in parte ho anche delle email che lo dimostrano.... in parte. Quì sopra? Cazzate."
Vcp: "Come cazzate..."
Io:" Cazzate... vuoi il riassunto in due parole?.... Non hanno consegnato in tempo il lavoro, il direttore generale si è inculato il responsabile dell'ufficio Equities, che a sua volta si è inculato il suo vice che era l'incaricato di portare a termine il lavoro, il vice dell'ufficio Equities ha riferito che io gli ho consegnato in ritardo i dati, perchè le elaborazioni più volte erano errate............... Cazzate"
Gli spiego velocemente come sono andate realmente le cose.
Vcp: "Beh allora fai ricorso, hai 5 giorni di tempo per farlo, è un tuo diritto"
Io: "Non faccio nulla, non mi metto a spiegare agli stupidi"
Vcp: "Ma guarda che così ci rimetti te per una cosa che non è vera"
Io: "E dove sta la novità?"
Vcp: "Ma così .........."
Io: "Senti !!! Non mi interessa, ti ho firmato il foglio, questa è la mia copia, questa è la tua.... posso andare?"
Vcp: "Un minuto ancora....."
Prende il telefono sento che digita un numero interno.
Vcp, con qualcuno dell'altra parte del telefono: "Guardi, noi abbiamo finito, possiamo andare?"
.................
Vcp: "Va bene"
Attacca il telefono e qualche secondo dopo entra nell'ufficio il direttore generale.
Saluta gli altri due... mi guarda...
DG: "Ciao Mirko, tutto bene'"
...... Ora... con quale criterio dovrei intavolare un qualsiasi dialogo con uno così?... ma vabbè... ci provo.
Io: "Bene, come sempre."
DG: "Mi, fa piacere. Hai letto tutto? Hai qualcosa da dire?"
Io:"Letto tutto."
DG:"Concordi con quanto scritto? E' stato riportato qualcosa di sbagliato?"
Io:"..... No naturalmente."
DG: "No?"
Io: "No, sono scritte una marea di inesattezze, che avendo voglia potrei anche dimostrare in parte, la parte che non posso dimostrare sono i dialoghi telefonici, dove sarebbe semplicemente la mia parola e la loro"
DG:"Ah, non sta me appurare come si sono svolti i fatti e poi ricorda che avendo scelto io i miei diretti subalterni ho piena fiducia in loro e in ciò che mi riportano"
Io:"Io lo so, spiegalo a loro due che vogliono che faccia ricorso a questa lettera"
Vcp:"E' un suo diritto, no? C'è scritto anche nella lettera, se le cose non sono andate così può e deve far ricorso"
DG:"Si certo è uno suo diritto, ma io parola a parola non metterò mai in dubbio ciò che mi è stato riferito e verbalizzato ufficialmente,  in una riunione, da un responsabile di settore. Altrimenti tutta la struttura organizzativa dell'azienda verrebbe a mancare, ha avrebbe senso".
Sorrido, per la prima volta da quando è entrato nella stanza, mi decido a guardalo in faccia.
Io: "Vedi Stefano, io conosco benissimo il tuo modo di ragionare e dirigere questa società....... ed infatti non ho nessuna voglia d andare oltre a questa storia...... Ma una cosa te la dico, così in 'amicizia', per fare due chiacchiere...."
Mi ero ripromesso anni addietro (quando indossavo la divisa) di non far fare brutte figure ai superiori, davanti ai loro subalterni. All'epoca mi costo un bel po di problemi .... ma a quanto pare.....
Io:"Il Papa nomina i vescovi, i vescovi sono responsabile dei sacerdoti  nelle diocesi di appartenenza..... uno di questi sacerdoti, abusa di tua figlia.... vedi tua figlia strana, ma vieni a sapere dell'accaduto da un altro sacerdote... insieme fate una denucia e venite convocati dal cardinale, voi e l'altro sacerdote, che sentiti i fatti ritiene opportuno approfondire la cosa. In realtà sa bene che, anche se vero questo creerebbe un vero pandemonio e la sua stessa carriera ne risentirebbe.
Vista l'importanza dell'accaduto la storia giunge fino alla scrivania del papa, che legge e il tutto e......
Il papa - "Questo è un vescovo che ho nominato io... ho piena fiducia in lui."
Il vescovo - "Non posso accusare il mio sacerdote, sarebbe uno scandalo e poi è sempre stato così ligio e retto, sicuramente c'è un equivoco, un'esagerazione"
Io: "Lo sai no come vanno a finire queste cose..... quando di mezzo ci sta il "vaticano" " ...lo guardo... e mi resta in faccia il solito sorriso di circostanza.
Silenzio.....
Mi rendo conto che gli altri due stanno guardando un po perplessi il DG.
Lui è ancora silenzioso, rigido...guarda i presenti nella stanza..
Con un dito inizia a giocarellare con quei due capelli che ancora ha in testa, li attorciglia.
Si alza...
DG: "Bene, mi sembra che ci siam detti tutto, non vi faccio perdere altro tempo. Buon Lavoro"
Stringe la mano a tutti... (credo di aver esagerato anche quì) esce.....
Prendo la mia bella "letterina" ed esco anche io.....







29 commenti:

  1. m'è piaciuto il tuo comportamento :)
    bella la storiella del vaticano.. eh sì.. la va proprio così..
    però ciccio.. basta con sta collezione!!!
    un tempo gli uomini collezionavano le farfalle, non le lettere di richiamo :)

    tvb ciccio (e non vojo nulla in cambio sto giro, lo dico spontaneamente)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La storiella del vatiano in realtà è uscita molto più lineare e cruda dalla mia bocca, ma poi non riuscivo a riscriverla. Tutto poco ragionato, quindi poi mi vien male a razionalizzarlo.
      Sempre collezionato "mondezza" ;)

      Elimina
    2. si occhei, occhio a non finire nelle liste degli operatori ecologici: però se ti dice culo che lo vai fare a Napoli (dove su 300, ne sono in forza lavorativa solo 117, che gli altri sono a casa con tanto di certificato di malattia poiché non possono stare in piedi per più di tre ore, ovvero non possono sollevare sacchetti della mondezza oltre i quindici kg)...
      ;-)

      Elimina
  2. Bruttissima cosa, pesante, dura.
    Quanto male sei stato, dopo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .... 4 ore più o meno, il tempo di scuire dall'ufficio. Ah..no.... anche il giorno dopo quando ho avuto la malsana idea di scrivere questo post..... ah no.... anche sta mattina che me lo son riletto :p
      Diciamo che ho la fortuna di funzionare a comparti stagni. ;)

      Elimina
  3. bruttissimo confronto, comunque la si veda.

    se passi da me leggi che ho scritto nel post di oggi ai punti 2) e 3).....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sta mattina, passo a leggere :)

      Elimina
  4. Risposte
    1. Evidentemente ci piace così, altrimenti non mi spiego tante cose :)

      Elimina
  5. Guarda, in questi casi mi rincuora quasi essere disoccupata. Sono solidale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e che te devo dì....... questo è più o meno ciò che potrebbe sucedere in una qualsiasi società italiana (non perchè noi siamo peggio di altri.... ma perchè queste conosco di realtà). Grazie ;)

      Elimina
  6. ma dopo tre lettere non si è licenziabili?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti stanno preparando il terreno. Inizia a contattare un avvocato del lavoro, che la penna non basta più' mi sa.

      Elimina
    2. @Charlie, dopo tre lettere (per la stessa cuasa) si è licenziabili si ;)
      @Francesco, ho sto vizio, per non avvelenarmi più di tanto, reagisco quando un evento si manifesta non prima :)

      Elimina
  7. Restando nella metafora, alla fine è quasi colpa della ragazza che si è fatta stuprare... non fa una grinza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto.... il concetto è quello.

      Elimina
  8. Prima ho provato a scrivere ma non ci sono riuscito. Ripeto in breve, bel blog,ben scritto. Ottima struttura e originale. Non è la solita cosa che si legge in giro.

    RispondiElimina
  9. Se tu hai agito in coscienza e ritieni di essere stato corretto e di subire come pesce piccole le diatribe e le lotte tra quelli sopra e bene che faccia ricorso.
    Una cosa molto semplice e concisa nei quali elenchi i fatti e confuti la loro teoria.
    Non è un atto formale.
    E' che tu prendi posizione e la sostieni.
    E' ecologico, il tuo piccolo contributo ad un po' di giustizia in più e di ingiustizia in meno in questo mondo.
    E ti mette anche strategicamente e tatticamente in una posizione migliore.
    Buona lotta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .... finiti i miei anni di lotta "qui" dentro ne ho fatte troppe e molte non erano neanche le mie.
      Facessero loro, non mi interessa.

      Elimina
  10. Ne hai di coraggio eh? Quello che hai detto tu a lui è quello che penso io e che non ho mai avuto il coraggio di dire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .... ma guarda, continuo a considerarmi stupido più che coraggioso, già sperimentato in passato che dire ciò che si pensa....anche se giusto ed in modo "cortese" non serve a nulla con certa gente.....anzi ci si rimette e basta.
      di conseguenza più che coraggio al massimo io lo chiamo incoscienza

      Elimina
  11. Complimenti per il sangue freddo. E quanta tristezza, sto mondo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .....bah...servisse a qualcosa :)

      Elimina
  12. Con enorme ritardo

    potrei dire: A lavare la testa all'asino si spreca acqua e sapone (e l'asino non sei tu)

    oppure dire: Mai discutere con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza (Arthur Bloch)

    Ma, alla fine, come dice Francesco, si stanno preparando il terreno, almeno riempiglielo di merde da pestare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda sono profondamente stupido, testardo, orgoglioso e menefreghista anche sulle cose importanti..... Di conseguenza non guardo oltre il mio naso (che per carità non è piccolo....però..), quindi per quanto mi riguarda la faccenda si è conclusa con quella stupida lettera (per carità le persone interessate io so chi sono e se posso a loro ripagherò con la stessa moneta...), non ho voglia di pensarci su oltre. ;)

      Elimina
    2. Vabbè, mi hai incontrato di persona, non è che il mio, di naso, sia più piccolo, no?

      ;)

      Elimina
  13. Mi è venuto in mente che si, è fiato sprecato quello che si caccia con certa gente, ma dentro me spesso spinge un senso di giustizia (e questo non vole solo per cose che accadono alla sottoscritta, mi farei a pezzi per ogni essere che subisce la prepotenza dei potenti) che mi spinge a cacciare energie e quanto fiato ho in gola per difendermi/difendere chiunque ne abbia bisogno. In conclusione, sarà per quello che non ho mai fatto carriera da nessuna parte. E sorrido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non farò mai carriera questo è poco ma sicuro, perchè io non mi metto a discutere, ma alla fine faccio quel che voglio e secondo i miei "regolamenti".
      Per il resto... è più facile che mi prenda il veleno per cose subite dagli altri che non per me stesso ;)

      Elimina