venerdì 14 novembre 2014

Tufello. Na canzone e puff...... viaggio nel passato.









































Amici, amori, lutti, casini, scuola, cazzate... cose belle e brutte che in fondo fan parte di me. Ed ancora qualche volta ci si vede davanti a quei cancelli che sono l'ingresso della "nostra" scuola.

28 commenti:

  1. Se quei muri potessero parlare eh?! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa "divertente" è che per certi aspetti, parlavano e continuano a parlare..... magari raccontano storie di altri :)

      Elimina
  2. belle le botte di nostalgia... io ci affogo spesso in questi tunnel!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerco di tenere questo tipo di nostalgia lontana, la guardo da lontano, altrimenti ci affogo veramente :p

      Elimina
  3. Vivo a Roma. Figlia di ufficiale di aeronautica nn ho mai avuto se nn da grande amici veri o riferimenti che ho costruito negli anni.
    Invidio un po i ricordi come i tuoi, vostri.
    Sherazade

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pensare che io son uno che sostiene che i "posti" li fanno le persone, quindi una città un quartiere, un paese può piacermi o no, lasciarmi qualcosa o no, sempre solo grazie alle persone che ci sono ed ho in qualche modo "vissuto".
      Passato, perchè tranne uno o due casi, gli amici me li son fatti da grande anche io, pur avendo vissuto per anni più o meno sempre negli stessi posti :)

      Elimina
  4. Risposte
    1. Sei ai margini Francè, sempre defilato, mai "ras" ;)

      Elimina
  5. ancora non riesco a "tornare"...ma è una delle cose che ho messo nella lista. 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul "tornare" posso capire, ogni luogo, persona, canzone ha i suoi tempi e non è mica detto che bisogna "riviverli" anche se solo da spettatore, possono restare anche dove stanno :p

      Elimina
  6. Risposte
    1. qui? ahahahahah a far cosa :p
      Ci sei anche passata (facile che dormivi) :)

      Elimina
    2. è solo perché sei noioso :P

      Colomba Anonima

      Elimina
  7. Occhio che nostalgia e vecchiaia vanno a braccetto. Quindi io ho tipo cent'anni :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io son giovanissimo, son troppo concentrato sul minuto appena passato e sul prossimo minuto che deve arrivare.... Al passato do una sbirciata raramente e pure con la faccia strafottente di chi tra se e se pensa "sti poracci" :p

      Elimina
  8. Risposte
    1. Ricordi, belli e brutti ma nulla di più :)

      Elimina
  9. Ancora adesso, quando mi capita di andare a prendere mia nipote a scuola, mi fa strano che esca dallo stesso portone da dove sono uscita io tanti anni fa. E un po' ti dirò, per me quella è ancora la mia scuola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto benissimo, la mia scuola è ancor la mia scuola, le superiori in particolare, anche se ormai ha cambiato nome ed è diventata una succursale di un istituto li vicino :)

      Elimina
  10. I ricordi, le radici della vita vissuta.
    Per me, sprone per il futuro. Per avere consapevolezza di ciò che si vuole costruire :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono un costruttore cosciente, e guardo pochissimo al futuro (almeno che per futuro non si intenda domani a dir tanto), ma concordo con il fatto che la vita vissuta serve ad avere consapevolezza di se stessi, a capire come siamo arrivati ad esser ciò che siamo :)

      Elimina
    2. ...e, tipo, a non perseverare nelle cretinate?! :) Ciao Boh

      Elimina
  11. Per qualche anno ho frequentato una ragazza di Roma e devo dire che è anche merito suo se amo quella città.
    Bello il tuo post, nostalgico al punto giusto. Bravo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie... ;)
      Per quanto riguarda Roma, che posso dire, io ci vivo quindi non faccio testo :p

      Elimina